come perdere un cliente

27 Gen

c’è un bar pippiro vicino al mio ufficio.
A colazione espongono tutto un bendiddio di cornetti, ciambelle, ventagli, ma anche cannoli, torte, crostate, ciambelloni…

ordino un cappuccino e una ciambella.

Non è la prima volta che faccio colazione lì, nè la prima volta che faccio colazione con una ciambella, in genere.
La ciambella costa quanto un cornetto. Da sempre.

Pago, preparo i due euro (so che questo bar è un po’ più caro del solito dove vado, quindi dovrei pagare € 1,60 invece dei miei soliti € 1,20)

la cassiera, sorriso a mille denti: DUE EURO E QUARANTA.

Come prego?

Come scusa?

Guardo lo scontrino, si sarà sbagliata…

no, c’è proprio scritto due euro e 40 centesimi, 4.647,048 delle vecchie lire.

"Scusa, ma mi vuoi dire che la ciambella costa un euro e cinquanta?" (dico, leggendo la voce "pasticceria") – quindi di più del cappuccino, che costa 90 centesimi? 

"sì…"

"più del cornetto?!"

"sì perchè sai, c’è la fabbrica… è difficile da fare…"

una ciambella?

pago, esco, e non ci rientro più.

Peccato perchè a pranzo e agli aperitivi facevano buone cose (anche se anche lì avevano alzato il prezzo)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: