the peak of the mountain

20 Ott
premessa: se quanto scrivo sembra sconnesso, ciò si deve a due motivi.

Il primo, è che non mi sono ancora davvero fermata ad assorbire quel che è successo e farmi un bel pianto.

Il secondo è che sono in profonda deprivazione da sonno…

e per favore non dite che sono sempre sconnessa, grazie… Very Happy

dunque, come vi accennavo, lunedì MustelaPandala si è svegliata con la febbre
alta… la mattina alle 5.30 aveva 38.5, le ho dato lo sciroppo magico e sono
andata a lavorare, per poco, alle 10 sono tornata a casa per darmi il
cambio col marito.

Alle 11 le misuro la febbre:39.5. Le do altro Sciroppo.. Ho
chiamato il gurupediatra che mi ha detto che l'avrebbe vista nel primo
pomeriggio.

Vado, gli chiedo se me la cambia con una che funziona, la segretaria dice come al solito poBera Mustela, sempre qua estai…

la visita, e dice che ha i bronchi liberi ma le tonsille decisamente
infiammate (…e infatti a pranzo aveva i conati…) con secrezione, gli
prescrive un antibiotico.

Torno a casa, le do altro sciroppo perchè da 37.5 di "prima del pediatra"
era a 39.5… aspetto che si faccia un orario cristiano per darle
l'antibiotico (in modo da non dovermi svegliare alle 5 il giorno dopo),
me la metto in braccio mentre preparo un'email di lavoro… sto per
premere su "invia" e sento che ansima sempre più forte, come fa quando
le sale la febbre… la guardo…

…mi accorgo subito che sono convulsioni:
ha lo sguardo di una bambola ebete e felice, nel senso che l'occhio è
rivolto verso l'alto, vedo il bianco, anche se vedo un po' di iride che
sembra anche più verde del solito… ha la bocca semiaperta e il corpo è
rigido.

La chiamo più volte, provo a scuoterla, a darle dei colpetti
(attenzione: poi mi hanno detto che non va MAI scossa nè vanno dati
colpetti) non reagisce in alcun modo.

Ghiaccio nelle vene, sono sola. prendo al volo le chiavi di casa e il
cellulare (e non il ciuccetto, come Maritemu mi ha più volte
rinfacciato)… e faccio la scena da film: chiudo la porta e comincio a
urlare "aiuto! aiutatemi! qualcuno mi aiuti, vi prego! Mia figlia sta
male! Aiuto!"

MustelaPandala  nel frattempo continua ad essere una bambola tra le mie braccia.

Mi scapicollo giù per le scale continuando a urlare, finalmente si
cominciano ad aprire delle porte "ma chi è? Signora, a che piano sta?"
"sto scendendo, aiuto, aiutatemi…" Chiamano il portiere, io gli chiedo
aiuto, vorrei chiamare il pediatra ma confusa come sono non riesco a
sbloccare il telefono, lui mi dice "si calmi, signora" e mi ficca nella
macchina di una vicina di casa, che mi porta all'ospedale
vicino casa, ci sarei arrivata anche correndo, se necessario

tutto questo lo vedevo da due prospettive: la mia, col cuore fermo, e io
da fuori come fosse un film, che cercavo di mantenere la calma.

salgo, cerco di calmarmi, MustelaPandala riprende pian piano conoscenza, si
lamenta, delira. Riesco a chiamare il pediatra, mantengo una freddezza
incredibile, lui mi dice "segnora, l'importante è stare calmi, babene?"
"sì. Sto andando al pronto soccorso" "sì, segnora, babene. Ha dato il
Sciroppo?" "sì, 5 tacche…" "deve dare anche 10 tacche, le dia un'altra
dose" "sono in macchina…" "babene, comunque deve far scendere la
temperatura, ha del ghiaccio? Lo metta in testa" "sono in macchina…"

alla fine mi attrezzo con una bomboletta spray, ma tanto siamo arrivate
al pronto soccorso, scendo dalla macchina dopo aver ringraziato la
ragazza (dicono fosse una mia vicina di casa: io non la conosco)

arrivo, e dico al primo impiegato dell'ospedale che trovo "ho una bambina di 11 mesi con le convulsioni"
– lui chiama quella del triage, nell'attesa MustelaPandala sviene, me ne
accorgo perchè smette di lamentarsi, sguardo vitreo, corpo molle…

la inclino un po' con la testa più in basso dei piedi, si riprende… e poi risviene altre due volte mentre facciamo il triage.
E l'infermiera dice a me "signora, ma si è accorta che la bambina non è cosciente?"
Dici?!
Io pensavo fosse persa nei suoi pensieri…

entriamo in saletta, io faccio il possibile per assistere medici e
infermieri, poi arriva Maritemu, passo il cell a lui mentre continuo ad
assistere Mustela e il personale sanitario, non trovano la vena (mi
dicono che dopo le convulsioni si trovano più difficilmente), le fanno mille buchi, lei urla, mi
guarda implorante, trema forte, cerca di succhiare il laccio emostatico
per calmarsi, le do un dito in bocca, e lei si attacca, disperata…

riescono a mettere la flebo con la fisiologica, non ha convulsioni
in atto quindi non le danno il valium (dovrò in futuro tenere sempre in
casa e all'asilo una medicina simile al valium da dare in caso di convulsioni, e darle la suppostina panacea già a 37.5)

tornano le analisi, i globuli bianchi sono a 56.000. Deve assolutamente
ricoverarsi, e deve fare un rx torace… (e mi rassicurano che le hanno
schermato le ovaie… e chi ci pensava alla sua vita riproduttiva???)
dal quale emerge che ha un principio di polmonite.

Io l'attacco il più possibile al seno per idratarla e calmarla, s'addormenta.

Nel frattempo mi chiedono se io sia infermiera (un po' per la calma…
apparente, un po' per i termini medici corretti che uso qua e là, un po'
perchè spiego a MustelaPandala che "una flebo di fisiologica non si nega mai a
nessuno"), la pediatra decide che io sono una sua collega, apprezza sia
la mia calma che il mio collaborare, infatti siccome c'era un problema
di fax mi sono attaccata io al telefono per cercare il posto negli
ospedali, o meglio, io facevo la segretaria, appena rispondevo passavo
la pediatra…

riesco a trovare il numero di fax funzionante del bambin gesù, e alla
fine otteniamo responso positivo dal gemelli e dal bambin gesù (… un
sollievo, eravamo arrivati a chiamare Tivoli…), andiamo al bambin
gesù.

Arriva l'ambulanza, sono le 23 passate, sono 6 ore che sono al pronto soccorso con una bimba di 11 mesi…

mi accorgo che ha il braccio gonfio (edematoso, dico al personale) e
infatti l'ago è fuori vena, via, da capo, altro braccio altro giro…
altri pianti…

al bambin gesù (…surreale: al pronto soccorso sparano a manetta "il
coccodrillo come fa" anche in piena notte e dentro le salette ci sono
microfoni da supermercato per chiamare i pazienti "giuseppetti in stanza
11") la rivisitano, si fa un altro pianto perchè si sveglia di
soprassalto con un infermiere che non conosce… ci piazzano in una
stanzetta ad aspettare che il letto si liberi…

arriviamo in stanza alle due, ci spiegano le regole (per fortuna la
prima notte siamo soli)… ci addormentiamo, lei nel lettone e io nella
poltrona letto ai suoi piedi… alle tre ci svegliano (nota di colore:
al bambin gesù perdi il tuo nome, ti chiami "mamma" e basta…il che stranamente ti dà conforto, sicurezza), facciamo
il prelievo di sangue incluso l'emocultura, una bottiglia grande (altro
pianto)… pesiamo Mustela,  ha perso peso, 8.870 (oggi era 8.620…) in
compenso è altissima, 80 cm (io "…se pensavi di fare la modella alta e
magra hai sbagliato la famiglia…")

riandiamo a dormire, alle 6 ci sveglia il pediatra…

ieri è arrivato un compagno di stanza, di 7 anni e 1/2 con broncopolmonite e gran passione per i cartoni.

stasera sono tornata (c'è l'ultima puntata di Glee), per un po' non mi
sono resa conto… poi ha suonato il telefono, mi sono detta "presto, se
no si sveglia Mustela"… ma Mustela sta all'ospedale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: