la consolatrice degli afflitti

4 Lug

Sabato  io e il mio personal shopper (detto anche Maritemu, che se non fosse per lui io girerei in jeans e magliettazza – sempre gli stessi) più la shopaholic di famiglia (MustelaPandala, in pieno trip da "cacche, cacche" – scarpe galore) siamo andati a fare qualche giretto per shopping.

A parte un’avventura epica per rimediare un paio di Shape – ups di cui vi narrerò in un post a parte, abbiamo deciso di tentare la sorte in un negozio vicino casa.

Un negozio di abbigliamento per taglie normali, non i miei soliti (e adorati) Fiorella Rubino e compagnia (una volta andavo di più da Elena Mirò, ora ha dei prezzi folli…).

Ci sono andata perchè mia mamma mi aveva detto che, in vetrina, c’era la scritta "fino alla taglia 54"… io a queste scritte di solito non credo, nel senso che di solito entri e l’unica cosa che hanno in una taglia superiore alla 44 è un saio  pied-de-poule fabbricato negli anni ’50.

Comunque, visto che ho perso un po’ di peso e devo assolutamente comprare dei pantaloni, entro.

Incredibile dictu, hanno i pantaloni nella mia taglia. Di lino, persino.

Presa dall’entusiasmo mio, del personal shopper e di Mustela, che nel frattempo sfoglia con aria sapiente il catalogo del negozio indicando i modelli che preferisce, ho comprato ben tre paia di pantaloni, una giacca e tre maglie.

Per il nostro entusiamo, dicevo: perchè la commessa ci ha messo del suo per abbatterci e farci uscire alla ricerca di un saio pied-de-poule.

io: "cercavo la taglia xy, di solito non si trova…"

la Consolatrice: (aria di afflitta compassione, come al capezzale di uno con una rara malattia): eeeh, lo so, è difficile, perchè di solito le case non le fanno… mente ci sono un sacco di donne che purtroppo hanno questo grosso problema, che portano anche la 50…

[…e pensa che io, che ti ho appena chiesto una taglia superiore alla 50, questo brutto problema ce l’ho in fase terminale…]

e in un altro momento

la Consolatrice: perchè poi, prima o poi questo problema arriva per tutti, anche io un giorno avrò il tracollo del fisico… 

[quello mentale ce l’hai già avuto da mo’]

mi provo una maglia, non mi convince… ma se avevo qualche dubbio, la Consolatrice è pronta a fugarlo

la Consolatrice: no, questa direi di no, perchè poggia molto sul seno e siccome… (aria contrita, da "oddio come lo dico che son rimaste poche ore…") la natura con lei è stata…

io: (agevolo) …generosa?

la Consolatrice: (sia mai ti venisse il dubbio che ti ho fatto un complimento) eh, fin troppo generosa

dopo un po’, provo anche una giacca…

io: allora guardi, dei pantaloni prendo la taglia più piccola, mentre della giacca va bene questa perchè ho bisogno di sentirmi comoda sulle spalle

la Consolatrice: aaaah, io no, sono tutta al contrario, pensi che una volta avevo avuto dei problemi, m’ero completamente lasciata andare, inguardabile, enorme, portavo la 46… e mi ostinavo a mettere la giacca 40, anche se non si chiudeva, perchè non volevo comprare la 46…

[non voglio sapere cosa facevi coi pantaloni]

Comunque in tutto ciò le cose che ho preso sono di taglia inferiore non solo a quella che portavo due mesi fa, ma anche a quella che pensavo di portare.

Non riuscendo ad abiutarmi all’idea che io abbia appena fatto acquisti in un "normale" negozio, chiedo

io: scusi, ma questa marca è una marca "normale", o di taglie comode?

la Consolatrice: no, è una marca per signore che dopo una certa età hanno questo problema della taglia… [da notarsi che, sul catalogo, ci sono solo giovinette secche…] perchè è inutile che ci giriamo intorno: dopo i trentacinque anni, volere o volare, il corpo non è più lo stesso, cambia, è inutile che ci speriamo… quella è la taglia e ce la dobbiamo tenere.

(comunque ho chiesto: partono dalla 42, che per gente come la Consolatrice è il primo passo nell’inferno, ma per il resto del mondo è una taglia piccola)

ah, e comunque è riuscita a farsi amica anche Mustela Pandala, eh:

la Consolatrice: e come ti chiami, tu, carina? Come ti chiami? Come ti chiami?

Mustela Pandala: (lo sguardo eloquente che dice "pora vecchia scema, anche se sapessi dirlo, non lo direi certo a te")

la  Consolatrice: daaaaaaaaiiiiii, non dirmi che sei timida perchè non ci credo eh…

Mustela Pandala: (lo sguardo eloquente che dice "poca confidenza, bbbella, chè qua manco vendete le scarpe")

la Consolatrice: eh? come ti chiami? come ti chiami?

Maritemu: veramente, non parla

la Consolatrice:
 (sguardo eloquente che dice "ODDIO la bambina ha un qualche handicap e io ho fatto un grezzone. Oddio. Oddio")

Maritemu: ha 20 mesi.

la Consolatrice: aaaah. (sollievo) sembra più grande

…eh già, anche lei è a un dipresso dal decadimento fisico.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: