Tag Archives: cibo

una cosa leggera

4 Gen

Quella che segue è una delle mie ricette preferite di Ada Boni.
Naturalmente, non ho mai avuto cuore di prepararla (…finora. Mai dire mai), ma è un grande classico nelle serate o pomeriggi  in cui intrattengo gli amici leggendo brani tratti dalla Bibbia di Ada (lo so, è una vita difficile)

Il sandwich del bookmaker
[oh, bene, Ada era avanti. Si preoccupava di pranzi veloci per gente che ha fretta, mica solo di brodetti e stracciatelle.]

Per fare questo speciale sandwich si adopera uno di quei pani rettangolari detti "a cassetta" [non so voi, ma a me questi viaggi nel secolo scorso, in cui il pane a cassetta era una rarità, una stranezza, affascinano da morire] del quale si utilizzano solamente la parte superiore e l’inferiore, lasciando alle due fette lo spessore di un centimetro circa [il resto della cassetta datelo ai piccioni].

Si spalma abbondantemente il pane di burro. [abbondantemente. Aaaah, il colesterolo degli anni ’30…]

Intanto si fa arrostire sui ferri una grossa bistecca di filetto, si condisce con sale e pepe, e si lascia freddare. [Ok, il bookmaker si mangia pane e burro e io la bistecca. Fico, Ada, ci sto. No?]

Quando è ben fredda si spalma di mostarda [mossssstaaaaaada, come direbbe Albertone] si pone tra le due fette di pane [e burro, ricorderete], s’involge [s’involge!!] in un foglio di carta asciugante bianca […noi nel ventunesimo secolo la chiamiamo Scottex] e si mette sotto un peso piuttosto forte [ok, immaginate me seduta sopra un cartoccetto di Scottex contenente pane, burro, mostarda e bistecca. Olè]

Dopo una mezz’ora il sandwich è pronto: lo si svolge dalla carta asciugante, e lo si mette in una scatola portasandwichs [chi non ce l’ha, la scatola portasandwichS… peraltro, non era ancora entrata in vigore la legge che vietava le parole straniere, si vede] o lo si avvolge con della carta bianca pesante [un cartonato].

Fatene l’esperienza, signore gentili [sì, Ada ci prende in giro.]; e dopo una bella passeggiata campestre, allorchè l’aria e il sole avranno avvivato il color roseo delle vostre gote [sì, Ada insiste. O ha bevuto. D’altronde siamo a pagina 265 del libro, c’è da capirla, se è esaurita] sedetevi sul prato e coi minuscoli dentini [Ada. Fatti aiutare] assalite risolutamente [Ada… dai, su, da brava… indossa questa camicia… si allaccia dietro…] il delizioso sandwich [pane a cassetta, burro, mostarda e filetto. Yeah.]

Il quale è conosciuto in Inghilterra col nome di "Sandwich del Bookmaker" […secondo me, questo è tutto un grande scherzone di Ada]

***
se qualcuno ci prova, mi faccia sapere!!

Grazietante!

23 Nov

Oggi è Thanksgiving, la Festa del Ringraziamento.
Siccome da noi in ufficio ci sono alcune americane, e siccome a noi i pranzi e le cene ci piacciono tanto, specie quello di thanksgiving, una mia collega ha avuto l’idea di preparare
13 chili di tacchino ripieno (diviso a metà perchè non c’entrava nel forno), poi c’era lo stuffing, e altre cose italiane portate da altre persone (tra cui la mia pucci che ha fatto il tiramisù a casa mia): lasagne, carciofi ripieni alla napoletana, muffin, tiramisù… vino rosso, prosecco…
mancavano la cranberry sauce, la pumpkin cake, il mais, ma sinceramente eravamo fin troppo pieni… e riprendere a lavorare è stata durissima!
Comunque il mio grazie va non già all’acmeinc, ma alla dolcissima collega che ha organizzato tutto cio’!
BOF!!!