de rerum maritozzibus

28 Feb

E prosegue la nostra disamina sul maritozzo… Oggi ne parla anche Lucyette, visto che esiste una variante quaresimale del delizioso maritozzo… benché anche le altre ricette non contengono sugna, quindi forse andrebbero bene, eh? No eh?! Eh?…

Fear no more… Aduccia ci manda la ricetta dei

Maritozzi di Quaresima

Mettete in una tazza da caffè e latte [no, non in una mug, esterofile antipatriote. Tazza da caffè e latte. No, quella è una tazza da tè. No, quella è una tazza da cappuccino. No, quella è una tazzina da caffè – e sì che quella era facile, eh… – su, su non vorrete farmi credere che non avete una tazza da caffè e latte nel servizio?! Mentecatte!] 25 grammi di lievito di birra, sminuzzatelo, scioglietelo con un pochino d’acqua appena tiepida, unite due cucchiaiate di farina e aggiungendo un altro po’ d’acqua fate una pasta morbida che lavorerete soltanto un istante [eh! oh! fatto!] con un cucchiaino, coprirete e porrete in un luogo tiepido.

Dopo circa un quarto d’ora questo lievito avrà raddoppiato il suo volume [e se è aumentato solo di un terzo, è colpa vostra, che lo influenzate negativamente]. Mettete allora sulla tavola di cucina [e non in salone, come vostro solito] cinque cucchiaiate ben colme di farina [abbondate, tirchiacce risicate!] – fra quella del lievito e questa debbono essere in tutto 200 grammi – fate la fontana [spiritosella, te laggiù: t’ho visto che cercavi di riprodurre la fontana dei Fiumi di Piazza Navona]  e nel mezzo ponete due cucchiaiate d’olio, il levito della tazza [da caffè e latteeeeeee non quell’altra tazza!], un pizzico di sale e una o due cucchiaiate di acqua tiepida, quanta ne occorre per avere una pasta assai leggera.

Lavorate energicamente questa pasta sul tavolo, sbattendola con le mani [e per sfogare meglio la vostra rabbia repressa, prendetela anche a randellate, via!] e quando si staccherà facilmente dalle dita e dalla tavola [implorando pietà] uniteci due cucchiaiate di zucchero.

Lavorate ancora un po’ la pasta, rotolatela nella farina, fatene una palla morbida e deponetela [esausta e ancora un po’ spaventata] in una terrinetta infarinata. Coprite e mettete in luogo tiepido.

Dopo un’ora, quando la pasta avrà cominciato a gonfiarsi [e quasi quasi comincia a pensare che, in fondo, il mondo sia un posto buono] rovesciatela [a tradimento] sulla tavola infarinata e incorporateci una cucchiaiata di pinoli mondati [preciso, perché tra voi di sicuro ci sono delle inette che ci lascerebbero la buccia] tre o quattro cucchiaiate di uvetta sultanina ed una cucchiaiata di scorzetta di arancio candita tagliata in listelline.

Lavorate un pochino con le mani per distribuire questo condimento; poi foggiate con la pasta un grosso cilindro dal quale ritaglierete dei pezzi della grandezza e della forma di un uovo [dica il candidato: come si ottiene una forma a uovo tagliando un cilindro?]

Mettete questi pezzi in una teglia leggermente imburrata [io avrei voluto la sugna. Ma dice che è Quaresima e che devo moderarmi…], a molta distanza uno dall’altro [perché il maritozzo è così, dà poca confidenza] e poi con le dita spianateli in modo da avere come dei piccoli panini bassi e oblunghi.

Rimettete la teglia al tiepido e lasciate che i maritozzi lievitino ancora per un paio d’ore [lo so, lo so, in tutto questo tempo potevate farvi un maritozzo tour per tutta Roma. Ma noi non siamo debosciate. Vero?! Vero?!] fino a quando cioè saranno ben rigonfi.

Riscaldate intanto il forno e badate che sia bruciante [suggeriamo la modalità Muzio Scevola per testare la temperatura]

Quando i maritozzi saranno lievitati – non ci vorranno meno di due ore [come sarebbe a dire “l’hai appena detto”?! Lo so. Volevo vedere se stavate attente.] metteteli nel forno ben caldo.

I maritozzi debbono cuocere in sei o sette minuti al massimo [Attention… trois, deux, un… ffffuuiiiit… mi gioco il jolly! Tutti al fil rouge!]e riuscire di un colore scuro.

Una più lunga permanenza nel forno produrrebbe la crosta, togliendo ai maritozzi la loro morbidezza caratteristica.

Appena cotti estraeteli dal forno [senza presine! Siamo cuoche massicce, noi!] e passate sopra ognuno, servendovi dello speciale pennello [che certamente non avrete, essendo pressappochiste degeneri, ma facciamo finta] uno sciroppo denso fatto con una cucchiaiata di zucchero e pochissima acqua, rimettendoli un istante nel forno tiepido [sì, sempre quel forno che vi ha ustionato prima. Ora è tiepido, va bene?!] per fare asciugare lo zuccchero.

Con questa dose otterrete circa dodici maritozzi [e se sono undici, li mangiate tutti e undici e via, da capo]

Ma siccome Ada è una donna sadica e cattiva molto attenta alla completezza ed esaustività delle informazioni che ci dà, ecco anche una versione… decisamente meno quaresimale (così fate il raffronto).

Maritozzi al burro

Il maritozzo classico, essendo fatto per il periodo di magro stretto [lasciate stare il trascurabile particolare che i maritozzi hanno l’impatto calorico di una bomba H] va impastato con l’olio.

Però molte pasticcerie confezionano dei maritozzi al burro, un po’ più piccini di quelli tradizionali [e te credo, Ada, se no li chiamavano Mattoni]

Sono squisiti specie col tè o col caffè e latte [e d’altro canto voi avrete senza dubbio le tazze da caffè e latte, no? No?!]

Il procedimento è in tutto uguale al precedente [quindi non mi fate ripetere, distrattone]. Fate il lievito come abbiamo spiegato [tu! Laggiù! Ripeti: come abbiamo spiegato?!] e con le stesse dosi, e quando avrà raddoppiato il volume impastatelo con cinque cucchiaiate ben colme [tirchione, non lesinate come al solito], un uovo intiero, mezzo ettogrammo di burro [senza sugna. Lo so. Son brutte cose] un pizzico di sale e una piccolissima quantità di acqua tiepida, per avere una pasta piuttosto molletta.

Quando la pasta sarà ben battuta [per buona misura ditele anche delle parolacce], lavorata e inzuccherata, fatene una palla; e per i canditi, l’uva, i pinoli, la lievitura [lievitura!] e la cottura procedete in tutto come sopra [ebbasta. Sempre tutto io vi devo spiegare]. Se volete potrete aggiungere nello sciroppo un nonnulla di vainiglina [perchè se no sa di poco]

Ecco.

Vi abbiamo presentato la Quaresima di privazioni di Ada Boni, direttamente dal 1935.

Dal canto mio, ho una voglia di maritozzo che metà basta.

Annunci

4 Risposte to “de rerum maritozzibus”

  1. Lucyette 28 febbraio 2012 a 12:25 #

    Peraltro, fra tutte le versioni che hai postato, i maritozzi quaresimali sono quelli che mi ispirano di più! Sembrano più… buoni, insomma! 😐

    Curiosità. Leggendo in giro per preparare il mio post, ho scoperto che i maritozzi di una volta erano a forma romboidale (oh!) e molto molto più grossi di quelli di adesso. Ah: ed erano anche cotti un po’ di meno, nel senso che la superficie non doveva scurirsi.
    Cucina storica, oggi, su rieduchescional cannel! :-DD

    Chissà che ne direbbe Ada? 😉

    • dabogirl 28 febbraio 2012 a 12:27 #

      Gentilissima Miscredente,
      come osa dire che la superficie non debba scurirsi?
      Si vergogni.
      penitenza.

      Tornando a noi, come sarebbe molto più grossi?
      Un maritozzo è grande come una mia mano… più grandi, cominciano a diventare impegnativi!

      (bavetta. Voglio un maritozzo double)

      • Lucyette 28 febbraio 2012 a 12:35 #

        O gentile Ada,

        (quale onore!), non saprei come argomentare oltre. D’altro canto, non ho neppure mai avuto l’occasione di assaggiare un maritozzo. Qui a Pavia non si trovano, purtroppo. (Ma adesso che ho le Sue ricette mi metto subito all’opera, veh!).
        Però, guardi: a questo indirizzo, ho trovato un tale che diceva testualmente questo: “’sto maritózzo però era trenta o quaranta vorte ppiù ggranne de quelli che sse magneno adésso; e dde sopre era tutto guarnito de zucchero a ricami”.

        Trenta o quaranta volte vorte ppiù ggranne!!
        Capisce?!
        Trenta o quaranta volte!!!

        Sono sconvolta anch’io, lo so.

        Sinceramente Sua,

        Lucyette

Trackbacks/Pingbacks

  1. Maritozzi! « Una penna spuntata - 28 febbraio 2012

    […] comprategli un maritozzo – o, ancor meglio, preparateglielo con le vostre mani. Per la ricetta, vi affido alle cure della mia amica Dabogirl e del suo inquietante ricettario. Ché noi siam blogger veri professcional molto 2.0, ahò: ci […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: